Home / Colline / Crete Senesi: il deserto della Toscana
Crete Senesi, Siena. Author and Copyright Marco Ramerini
Crete Senesi, Siena. Author and Copyright Marco Ramerini

Crete Senesi: il deserto della Toscana

Le Crete Senesi si trovano in un area a sud-est di Siena, che dagli immediati dintorni della città si estende lungo le valli dei fiumi Arbia, Ombrone e Asso, nei comuni di Asciano, Buonconvento, Monteroni d’Arbia, Rapolano Terme e San Giovanni d’Asso. Le Crete sono formate da terreno argilloso, formatosi durante il Pliocene (tra 5,2 a 1,8 milioni di anni fa), quando la zona era ricoperta dal mare, la composizione del terreno, formato da minutissimi frammenti di piccoli organismi, è data dai sedimenti composti di argille e sabbie di questo bacino marino.

Per raggiungere la zona da Siena si percorre la statale n°326 (Siena-Bettolle) per uscire a Taverne d’Arbia, da qui si prende la statale n°438 in direzione di Asciano. Fatti pochi chilometri, si materializza un paesaggio indimenticabile, un’emozione unica, il suggestivo paesaggio delle Crete. Fin dal Medioevo, la zona delle Crete Senesi era conosciuta con il nome di Deserto di Accona, risulta infatti ancora oggi difficoltosa la cultura della vite e dell’ulivo, vi si coltivano intensamente solo girasoli e grano.

Tra i prodotti tipici della zona sono l’olio, il tartufo e il formaggio pecorino. Il caratteristico paesaggio delle Crete è stato riprodotto nelle opere di molti artisti senesi del passato, come Duccio di Buoninsegna (1255-1318/1319), Bartolo di Fredi (1330-1410), Pietro Lorenzetti (1280-1348), Sano di Pietro (1406-1481), Giovanni di Paolo (?-1482) ecc.

Crete Senesi, Siena. Author and Copyright Marco Ramerini

Crete Senesi, Siena. Author and Copyright Marco Ramerini

Crete Senesi

Crete Senesi

Le Crete Senesi rappresentano uno dei più interessanti e caratteristici paesaggi della Toscana, la zona è formata da un suggestivo paesaggio collinare, fatto di rilievi erosi nel corso dei secoli dalle intemperie, spoglio di vegetazione, dove si alternano calanchi (solchi prodotti dall’erosione dell’acqua nei terreni argillosi o marnosi) e biancane (affioramenti argillosi e marnoso-argillosi del pliocene, spogli di vegetazione, di colore biancastro) che, a tratti, sembrano formare un paesaggio lunare. Altra caratterisitica del paesaggio sono i cipressi e pini piantati lungo le strade e attorno alle fattorie per fare da frangivento.

L’aspetto del paesaggio delle Crete Senesi varia, e di molto, con la stagione, infatti ogni periodo dell’anno presenta una nota di colore dominante, che viene esaltata dalla nudità del paesaggio, una natura fatta di colori assai inconsueti, come il grigio dell’argilla ed il giallo del solfato, il verde intenso dei campi di grano in primavera, che si tramuta in giallo durante l’estate.

BIBLIOGRAFIA

  • AA. VV. “Toscana” Guide Rosse Touring Club Italiano, 2007
  • AA. VV. “Le crete senesi, la val d’Arabia e la val di Merse” 1999, Mondadori
  • Masotti Fabio “Chianti e Crete senesi in bicicletta” 2007, Ediciclo
  • Rozzi Alessandra “Il Senese. Crete, Val d’Orcia, Val di Chiana” 2002, De Agostini

This post is also available in: Inglese Francese Tedesco

banner
Close
Seguiteci su Facebook
Restate informati su Guida Viaggi
eXTReMe Tracker