Home / Borghi / Castelfiorentino: antico avamposto fiorentino nella Valdelsa
Castelfiorentino, Firenze. Author Saliko. Licensed under the Creative Commons Attribution-Share Alike
Castelfiorentino, Firenze. Author Saliko

Castelfiorentino: antico avamposto fiorentino nella Valdelsa

La cittadina di Castelfiorentino fa parte della parte meridionale della provincia fiorentina. Castelfiorentino si estende su di un colle lungo la via Francigena sulle rovine di un insediamento romano ed è costituito da una parte antica e da una parte moderna. Il territorio comunale è solcato dal fiume Elsa che scorre a valle del centro storico situato su una collina a 108 metri d’altezza. La parte moderna di Castelfiorentino si trova ad un altitudine di 50 metri sul livello del mare lungo il fiume Elsa. Il comune di Castelfiorentino possiede circa 18.000 abitanti e costituisce un’importante zona industriale lungo la valle dell’Elsa che va a raccordarsi con le aree industriali di Certaldo, Barberino Val d’Elsa e Poggibonsi.

In passato, Castelfiorentino divenne feudo della famiglia toscana dei Cadolingi, in seguito fu possesso dei conti Alberti per poi appartenere dal XII secolo al vescovo di Firenze. Nel 1149 i fiorentini assegnarono il nome attuale alla cittadina. Castelfiorentino fu coinvolto da vicino nei numerosi conflitti tra Siena e Firenze, diventando di quest’ultima l’avamposto principale e sede di podesteria. Nel 1521 fu teatro di devastazioni e combattimenti da parte di milizie spagnole.

Tra le eminenze architettoniche del paese troviamo alcuni edifici religiosi come il santuario di Santa Verdiana, edificio del primo settecento, uno dei pochi esempi di barocco della zona. L’interno della chiesa, opera di G. B. Foggini, è a tre navate con volta affrescata, affrescate sono anche le cupole della chiesa. Accanto alla chiesa è il Museo di Santa Verdiana dove si trovano alcuni importanti dipinti di Cimabue (la tavola della Madonna col Bambino (1283-1285) alla cui stesura probabilmente collaborò anche Giotto), di Taddeo Gaddi (Madonna col Bambino) e di Taddeo di Bartolo, oltre ad alcuni codici miniati del XIV secolo.

Affresco Assunzione della Vergine di Benozzo Gozzoli. Cappella della Madonna della Tosse. Museo BEGO, Castelfiorentino

Affresco Assunzione della Vergine di Benozzo Gozzoli. Cappella della Madonna della Tosse. Museo BEGO, Castelfiorentino

Di estremo interesse è la visita, nelle vicinanze della stazione ferroviaria, del museo BEGO-Museo Benozzo Gozzoli, un edificio moderno dove sono esposti due cicli di affreschi di Benozzo Gozzoli staccati dal Tabernacolo della Visitazione in  Castelfiorentino e dalla Cappella della Madonna della Tosse in Castelnuovo d’Elsa.

Nella parte bassa del paese, in piazza Gramsci, si trova il Teatro del Popolo (XIX secolo), lungo la via Palestro sono il palazzo dell’Arciconfraternita della Misericordia (1930) e la chiesa di San Francesco un edificio in stile gotico risalente al XIII secolo. Nella parte vecchia del paese si trova la chiesa Collegiata dei Santi Lorenzo e Leonardo, un edificio in cotto che risale al XIII secolo. Sulla cima della collina sorge la pieve dei Santi Ippolito e Biagio edificata alla fine del XII secolo, la chiesa ad una navata presenta una facciata in cotto e decorazioni in ceramica. Dietro la chiesa si trovano i resti di un tratto di mura del castello e due torri.

Castelfiorentino

Castelfiorentino

INFORMAZIONI UTILI

Mercato settimanale Castelfiorentino: sabato Piazza Gramsci, dalle ore 8.00 alle ore 13.00.

Ufficio Informazioni Turistiche – Castelfiorentino Via Ridolfi, 1 Tel. 0571 629049

BIBLIOGRAFIA

  • AA. VV. “Firenze e provincia” Guide Rosse Touring Club Italiano, 2007
  • Bertani Licia, Trotta Giampaolo “Santa Verdiana a Castelfiorentino. Arte e architettura di un santuario Toscano” 2007, Masso delle Fate
  • cur. Cherubini G.; Cardini F., “Storia di Castelfiorentino. Vol. 2: Dalle origini al 1737” 1995, Pacini Editore
  • cur. Mori G., “Storia di Castelfiorentino. Vol. 3: Dal 1737 al 1861” 1997, Pacini Editore
  • cur. Nocentini S.; Padoa Rizzo A., “Benozzo Gozzoli e Cosimo Rosselli nelle terre di Castelfiorentino. Pittura devozionale in Valdelsa” 2011, Maschietto Editore
  • cur. Viola M. D., “La chiesa di San Francesco a Castelfiorentino” 2005, Olschki
banner