Home / Itinerari / Camminate, sentieri, escursioni a piedi / Passeggiata nel Chianti tra Barberino e Sant’Appiano
La facciata della Pieve di Sant'Appiano e i resti del Battistero, Barberino Val d'Elsa, Firenze. Autore e Copyright Marco Ramerini.
La facciata della Pieve di Sant'Appiano e i resti del Battistero, Barberino Val d'Elsa, Firenze. Autore e Copyright Marco Ramerini.

Passeggiata nel Chianti tra Barberino e Sant’Appiano

Questo itinerario che ho fatto assieme agli amici del Gruppo Trekking è un itinerario circolare nel Chianti tra Barberino e Sant’Appiano. Questo itinerario che ha una lunghezza di poco più di 15 chilometri inizia e termina a Barberino Val d’Elsa. Il percorso inizia dalla pineta di Barberino. Dopo aver attraversato il paese (nell’attraversamento si può passare dal centro storico medievale oppure dall’area panoramica vicino al distributore di benzina) si prosegue in discesa fino al bivio di Via di Novoli.

Prendiamo la Via di Novoli in forte discesa fino a raggiungere il ponte sul torrente. Si sale lungo una curva a gomito e poi si prende a destra una strada prima asfaltata e poi sterrata. Si guada il torrente e si sale lungo la strada tra i boschi fino a raggiungere la Torre del Chito.

Passeggiata nel Chianti tra Barberino e Sant'Appiano
Passeggiata nel Chianti tra Barberino e Sant’Appiano

Il nostro itinerario continua lungo la Strada della Torre. Si costeggia l’Agriturismo Fattoria Spadaio e Piecorto e si prosegue lungo la strada bianca quasi pianeggiante fino ad arrivare alla Fattoria di Cinciano. Il paesaggio è il tipico paesaggio del Chianti con campi di olivi e vigneti. Si prosegue in leggera discesa fino alla località il Greppo.

LA SOSTA DEL PAPA

Qui superate le prime case, si svolta a destra lungo la Strada di Cinciano. Giunti in fondo alla vallata si sale fino alla Via Cassia e alla Sosta del Papa. La Sosta del Papa, oggi un rinomato ristorante (Osteria la Sosta di Pio VII), è un luogo storico, dove una lapide ricorda della sosta di Papa Pio VII nel giugno 1813 che qui si fermò per “fisica necessità”. Il posto è da sempre conosciuto come Pisciata del Papa, ma negli ultimi anni ha preso il nome più prosaico di Sosta del Papa.

A sinistra dell’osteria si prende un viottolo di campo che in forte discesa scende verso la vallata del torrente. Quando abbiamo fatto il sentiero noi, nel punto in cui inizia il bosco, il sentiero era quasi impraticabile a causa del fango che le recenti piogge avevano creato. Comunque, facendo una piccola deviazione nel bosco, siamo riusciti a passare e a guadare il piccolo torrente. Il guado non è assolutamente un problema.

LA PIEVE DI SANT’APPIANO

Pieve di Sant'Appiano, Barberino Val d'Elsa, Firenze. Autore e Copyright Marco Ramerini.
Pieve di Sant’Appiano, Barberino Val d’Elsa, Firenze. Autore e Copyright Marco Ramerini.

Superata l’area fangosa il sentiero sale in ripida salita fino a Sant’Appiano. Qui si trova uno degli edifici religiosi più belli della zona. La pieve romanica di Sant’Appiano. Conviene accedere alla Pieve dalla scalinata recentemente restaurata. Vi troverete davanti i resti delle colonne dell’antico battistero e la facciata della chiesa. Se la chiesa è aperta vale la pena visitarla. Anche l’annesso museo archeologico è molto interessante.

Nella nostra passeggiata ci siamo fermati qui a fare un piccolo spuntino di mezzogiorno. Poi la passeggiata prosegue lungo la Strada di Sant’Appiano fino al bivio per la Strada di San Donnino dove proseguiamo a destra in direzione di Barberino Val d’Elsa dove termina il nostro itinerario ad anello nel Chianti tra Barberino e Sant’Appiano.

Il percoso è di poco più di 15 km. Con le numerose soste abbiamo impiegato la mattina (circa 3 ore) per arrivare a Sant’Appiano. Poi è necessaria circa un ora per il tratto finale tra Sant’Appiano e Barberino.

ALLOGGI, AGRITURISMI, B&B E HOTEL

Booking.com

Marco Ramerini

Ho pubblicato alcuni scritti sulla storia dell'esplorazione geografica e del colonialismo, in particolare sulle isole delle spezie, le Molucche. Ho ideato alcuni siti internet tra cui il sito www.colonialvoyage.com dedicato alla storia dell'esplorazione geografica e al colonialismo. Poi il sito www.borghiditoscana.net dedicato alla mia regione: la Toscana. Oltre che a molti altri siti di viaggi in diverse lingue. Viaggiatore, scrittore di guide turistiche online, scrivo di storia, fotografo e sono appassionato di astronomia.
banner