Home / Abbazie, Basiliche e Chiese / San Bruzio: i suggestivi resti di una chiesa romanica in Maremma
San Bruzio, Magliano in Toscana, Grosseto. Author and Copyright Marco Ramerini
San Bruzio, Magliano in Toscana, Grosseto. Author and Copyright Marco Ramerini

San Bruzio: i suggestivi resti di una chiesa romanica in Maremma

Le rovine di questa bella chiesa si trovano a soli 2 km a sud-est di Magliano in Toscana. Per raggiungerle uscendo da Magliano si deve prendere prima la strada che porta verso Orbetello, e percorse poche centinaia di metri su questa strada si deve girare a sinistra al bivio prendendo la strada che porta a Marsiliana, dopo poco più di un chilometro sulla sinistra in fondo ad un campo si scorgono i ruderi della chiesa romanico-lombarda di San Bruzio (San Tiburzio).

San Bruzio è uno dei più raffinati monumenti romanici della Maremma. La Canonica di San Tiburzio (San Bruzio) fu fondata attorno all’anno 1000 e la sua costruzione fu terminata verso la fine del XII secolo. Originariamente la struttura della chiesa era a pianta a croce latina (lunghezza 32 metri, larghezza 12 e 20 al transetto).

Oggi della canonica, dopo secoli d’abbandono, restano l’abside semicircolare e due parti del transetto oltre a tracce della cupola ottagonale. L’abside è sormontato da una semicupola ed è decorato esternamente da motivi ad arcatelle cieche e lesene e presenta tre strette monofore simmetriche. Fra i motivi decorativi sono di particolare rilievo i capitelli di stile francese, decorati con fogliami e teste antropomorfe.

San Bruzio, Magliano in Toscana, Grosseto. Author and Copyright Marco Ramerini

San Bruzio, Magliano in Toscana, Grosseto. Author and Copyright Marco Ramerini

Le mura esterne della canonica, in particolare la parte dell’abside, sono finemente lavorate e arricchite da agili semi-colonne unite da archetti. In alcuni particolari della struttura, per esempio nelle decorazioni dell’abside, nei capitelli delle colonne e nella leggerezza della struttura, possiamo cogliere l’inizio dello sviluppo di un gotico primordiale. Negli scarsi resti è possibile ammirare molte sculture, che possono solo far immaginare come doveva essere l’aspetto della canonica al tempo del suo massimo splendore.

BIBLIOGRAFIA

  • AA. VV. “Toscana” Guide Rosse Touring Club Italiano, 2007
  • Cur. Celuzza, Mariagrazia “Guida alla Maremma antica” NIE, 1993
  • Vitiello Antonella, “San Bruzio. Mito e realtà. Da tempio pagano a sede della cristianità” 2000, Edarc
banner