Home / Provincia di Grosseto / Maremma Grossetana / Costa della Maremma / Parco Naturale della Maremma: la costa toscana
Pineta, Parco della Maremma, Grosseto. Author and Copyright Marco Ramerini
Pineta, Parco della Maremma, Grosseto. Author and Copyright Marco Ramerini

Parco Naturale della Maremma: la costa toscana

Il Parco Naturale della Maremma si trova in provincia di Grosseto, lungo 25 km di costa tirrenica compresa tra la foce del fiume Ombrone e Talamone, nei territori dei comuni di Grosseto, Magliano in Toscana e Orbetello.

Il Parco della Maremma, si raggiunge da nord lungo la SS 1 Aurelia, si esce a circa 7 Km a sud di Grosseto all’uscita Rispescia-Alberese. Si prosegue per alcuni chilometri sulla S.P. di Alberese fino a raggiungere l’omonima località. Chi proviene da Sud può uscire al Km 166 della SS Aurelia allo svincolo per Alberese-Parco Naturale della Maremma. Proseguendo si raggiunge in pochi minuti la frazione di Alberese dove si trova il Centro Visite.

Il parco è caratterizzato da pinete, paludi, campi coltivati, pascoli e colline che raggiungono la costa, che è caratterizzata da scogliere e lunghe spiagge, l’ambiente è quello tipico della macchia mediterranea.

Il Parco Naturale della Maremma si trova in provincia di Grosseto, nella parte sud della Toscana. Il parco include una fascia costiera di circa 9800 ettari, che si estende da Principina a Mare (a nord) fino a Talamone (a sud).

Spiaggia, Parco Naturale della Maremma, Grosseto. Author and Copyright Marco Ramerini

Spiaggia, Parco Naturale della Maremma, Grosseto. Author and Copyright Marco Ramerini

La zona centrale del parco è caratterizzata dai Monti dell’Uccellina una catena di colline parallele alla costa ricoperte di macchia mediterranea, i monti culminano con il Poggio Lecci (417 mslm).

La parte nord del parco è pianeggiante, caratterizzata dai sedimenti trasportati dal fiume Ombrone che in sfocia in mare in quest’area del parco.

LA FOCE DEL FIUME OMBRONE

Intorno alla foce dell’Ombrone c’è la tipica area palustre della Trappola dove sono visibili vari tipi di uccelli palustri. Probabilmente quest’area umida fu formata dal progressivo avanzamento della linea costiera che incluse anche alcuni piccoli laghi.

Di grande interesse e bellezza è anche la pineta di Marina d’Alberese. Da un punto di vista naturalistico l’area del parco rappresenta un interessante mosaico di ecosistemi in parte modellati, nei secoli passati, dall’uomo senza degradarlo.

La costa che si sviluppa per circa 20 km è un succedersi di costa sabbiosa dalla foce dell’Ombrone fino a Cala di Forno, da qui iniziano le scogliere che sono formate dai Monti dell’Uccellina che raggiungono il mare, queste scogliere si estendono fino a Talamone. Lungo la costa si trovano alcune antiche torri di avvistamento come quelle di Collelungo, di Castel Marino, di Cala di Forno, delle Cannelle di Talamone.

Il clima è tipico mediterraneo, con estati calde e secche, le piogge sono più abbondanti in autunno. La temperatura media è di circa 6° in gennaio e 24° in agosto. La quantità media di pioggia annua è attorno ai 690 mm. il periodo più piovoso sono in mesi di novembre e dicembre, i mesi più secchi sono luglio e agosto, le estati sono quasi completamente secche.

Cavalli, Parco della Maremma, Grosseto. Author and Copyright Marco Ramerini

Cavalli, Parco della Maremma, Grosseto. Author and Copyright Marco Ramerini

GLI ITINERARI DEL PARCO NATURALE DELLA MAREMMA

All’interno del parco si possono fare innumerevoli passeggiate una delle preferite (specialmente in una fresca e chiara giornata invernale) è quella lungo la spiaggia partendo da Marina d’Alberse fino a Cala di Forno. Questa passeggiata occupa 2-3 ore (a/r) e permette stupende vedute sui Monti dell’Uccellina, le torri di Castelmarino, Collelungo, Cala di Forno e se la giornata è tersa sull’isole di Montecristo e Giglio e l’Argentario. La maggior parte dei percorsi iniziano da Alberese, mentre quattro itinerari iniziano da Talamone.

Gli itinerari possono essere percorsi sia singolarmente che in gruppo, accompagnati o meno da una guida, a secondo del periodo dell’anno.

Questi sono gli itinerari effettuabili nel Parco Naturale della Maremma:

A1 San Rabano: Un itinerario molto bello ma impegnativo è quello che permette la visita dei resti dell’Abbazia di San Rambano. Percorso: 7,8 Km circa. Durata: 5 ore circa. Difficoltà: impegnativo.

A2 Le Torri: Un interessante itinerario che permette lavisita di alcune delle torri di avvistamento situate all’interno del parco. Percorso: 7 Km circa. Durata: 3 ore circa. Difficoltà: media.

A3 Le Grotte: Itinerario piuttosto lungo che ha come focus la visita alle grotte presenti lungo il percorso. Percorso: 9,7 Km circa. Durata: 3 ore circa. Difficoltà: semplice.

A4 Cala di Forno: Lungo e impegnativo itinerario, ma molto bello che permette la visita di un tratto di costa incontaminato. Percorso: 12,8 Km circa. Durata: 6 ore circa. Difficoltà: impegnativo.

Ci sono poi altri itinerari che spaziano da quelli faunistici, di birdwatching,  ciclabili, notturni fino ad arrivare agli itinerari a cavallo, in canoa e in carrozza.

Macchia Mediterranea, Parco Naturale della Maremma, Grosseto. Author and Copyright Marco Ramerini

Macchia Mediterranea, Parco Naturale della Maremma, Grosseto. Author and Copyright Marco Ramerini

VISITE:

Per visitare il parco, che è aperto tutto l’anno, è necessario acquistare i biglietti di ingresso presso i Centri Visite.

Centro visite di Alberese: Via Bersagliere, 7/9 – Alberese (Gr) Tel. +39 0564 407098 – Fax. +39 0564 407278. Aperto tutti i giorni, inclusi i festivi, con questi orari: dal 1 Ottobre al 22 Marzo dalle 8.30 alle 13.30, dal 23 Marzo al 30 Settembre dalle 8 alle 17.

Centro visite e acquario di Talamone (Acquario della Laguna di Orbetello e Centro Recupero per la conservazione delle tartarughe marine (Tartanet)): Via Nizza, 12 – Talamone (Gr) Tel. +39 0564 887173 – Fax. +39 0564 887173. Aperto tutti i giorni, inclusi i festivi, con questi orari: dal 1 Settembre al 30 Giugno dalle 8 alle 13, dal 1 Luglio al 31 Agosto dalle 8 alle 12 e dalle 17 alle 20.

BIBLIOGRAFIA

  • AA. VV. “Toscana” Guide Rosse Touring Club Italiano, 2007
  • AA. VV. “Parco Naturale della maremma: storia flora fauna itinerari dei monti dell’uccellina” Edizioni Massimi.
  • Baggiossi, Italo “Le torri costiere della Toscana: un affascinante itinerario lungo il litorale toscano alla scoperta di quei singolari monumenti che per secoli garantirono la sicurezza degli Stati costieri: un viaggio a ritroso nel tempo, attraverso vicende storiche, testimonianze e leggende di coloro che vissero e lottarono attorno a questi antichi baluardi” 310 pp. Newton Compton, 1988
  • Celuzza, Mariagrazia “Guida alla Maremma Antica” Siena, 1993, NIE
  • Maioli Nicoletta “Un nuovo viaggio nel parco regionale della Maremma. Monumenti, ambiente e itinerari tra storia e natura” 2012, Nardini
  • Manetti, Rino “Torri costiere del litorale toscano. Loro territorio e antico ruolo di vigilanza costiera” xvi, 183 pp. Alinea, 1991
  • Repetti, Emanuele “Dizionario Geografico Fisico della Toscana” Firenze, 1833-1845.

ALLOGGI, AGRITURISMI, B&B E HOTEL

Booking.com

Marco Ramerini

Ho pubblicato alcuni scritti sulla storia dell'esplorazione geografica e del colonialismo, in particolare sulle isole delle spezie, le Molucche. Ho ideato alcuni siti internet tra cui il sito www.colonialvoyage.com dedicato alla storia dell'esplorazione geografica e al colonialismo. Poi il sito www.borghiditoscana.net dedicato alla mia regione: la Toscana. Oltre che a molti altri siti di viaggi in diverse lingue. Viaggiatore, scrittore di guide turistiche online, scrivo di storia, fotografo e sono appassionato di astronomia.
banner