Home / Castelli, Torri e Fortificazioni / Castello di Pogni: i resti di una fortificazione medievale
La torre di Pogni vista da Marcialla, Barberino Val d'Elsa, Firenze. Author and Copyright Marco Ramerini
La torre di Pogni vista da Marcialla, Barberino Val d'Elsa, Firenze. Author and Copyright Marco Ramerini

Castello di Pogni: i resti di una fortificazione medievale

Il Castello di Pogni, conosciuto in passato con il nome di Pogna, fu una delle più importanti fortificazioni avanzate della città di Semifonte nella Val d’Elsa. Semifonte era il più importante castello della famiglia feudale dei Conti Alberti. Questo castello fu l’ultima fortificazione imperiale ad essere sconfitta dal comune di Firenze nel 1202.

UNA TORRE DELL’ANTICA CITTÀ DI SEMIFONTE

La prima notizia dell’esistenza del castello di Pogni è datata 1059. Le sue fortificazioni essendo proprietà dei Conti Alberti furono assediate e conquistate dai fiorentini nel 1184. In questa battaglia fu catturato anche il conte Alberto, a lui fu conseguentemente imposto la distruzione di tutte le opere di fortificazione del castello ad eccezione del palazzo “totum castellum de Pogna excepto palatium cum turri” inoltre fu imposta la distruzione di tutte le torri della vicina Certaldo “omnes turres et de Certaldo”. Probabilmente però la promessa non fu mantenuta perché con una bolla degli inizi del XIII secolo viene confermato il possesso di Pogni da parte dei Conti Alberti.

Poco dopo, nel 1202, con la distruzione di Semifonte la famiglia dei Conti Alberti perse ogni potere nella zona il cui dominio passò sotto il diretto controllo di Firenze. Pogni sembra essere sopravvissuto perchè i documenti testimoniano la sua distruzione nel 1312 ad opera delle truppe di Arrigo VII. Nel 1382 le sue fortificazioni furono riattivate, per un breve periodo, dai fiorentini. Dopo il castello fu abbandonato.

Ancora oggi rimangono le rovine del Castello di Pogni su di una collina dominante la vallata dell’Elsa. Una torre parzialmente demolita è la principale rovina visibile, attorno alla torre ci sono poi resti di alcune strutture parzialmente nascoste dalla vegetazione. La torre di Pogni è visitabile partendo dal centro abitato di Marcialla, da cui si domina tutta la Val d’Elsa. Da Marcialla è necessario prendere la strada per Tavolese e poi girare a sinistra lungo la strada di Pogni.

ALLOGGI, AGRITURISMI, B&B E HOTEL

Booking.com

Marco Ramerini

Ho pubblicato alcuni scritti sulla storia dell'esplorazione geografica e del colonialismo, in particolare sulle isole delle spezie, le Molucche. Ho ideato alcuni siti internet tra cui il sito www.colonialvoyage.com dedicato alla storia dell'esplorazione geografica e al colonialismo. Poi il sito www.borghiditoscana.net dedicato alla mia regione: la Toscana. Oltre che a molti altri siti di viaggi in diverse lingue. Viaggiatore, scrittore di guide turistiche online, scrivo di storia, fotografo e sono appassionato di astronomia.
banner