Home / Provincia di Grosseto / Maremma Grossetana / Maremma: antica terra di paludi, è oggi una delle più belle e incontaminate mete turistiche della Toscana
Acquitrino, Parco della Maremma, Grosseto. Author and Copyright Marco Ramerini
Acquitrino, Parco della Maremma, Grosseto. Author and Copyright Marco Ramerini

Maremma: antica terra di paludi, è oggi una delle più belle e incontaminate mete turistiche della Toscana

La Maremma grossetana è una vasta area della Toscana meridionale che comprende praticamente tutta la provincia di Grosseto, nell’interno va dalle Colline Metallifere fino al Monte Amiata, mentre lungo la costa si estende tra il Golfo di Follonica e il confine con il Lazio. La Maremma è famosa per i butteri – pastori a cavallo – che rappresentano la Maremma romantica, antica terra di confine, di mandrie e di banditi.

Anticamente ricca di paludi malsane e terra malarica, la Maremma, è oggi una delle più belle e incontaminate mete turistiche della Toscana, ancora poco conosciuta – se non in alcune località costiere come Castiglione della Pescaia, Punta Ala, Follonica e il Monte Argentario – questa parte della Toscana racchiude paesaggi di grande bellezza, centri storici di grande pregio, piccoli borghi rimasti intatti dove la vita richiama i tempi passati. In Maremma si trovano anche importanti testimonianze archeologiche – principalmente di epoca etrusca – e una grande varietà di piccoli borghi di origine medievale.

Mucche Maremmane, Parco della Maremma, Grosseto. Author and Copyright Marco Ramerini

Mucche Maremmane, Parco della Maremma, Grosseto. Author and Copyright Marco Ramerini

La Maremma può essere suddivisa in due aree ben distinte: la zona interna collinare e montuosa – terra di miniere, allevamento, butteri, boschi e foreste – e la zona costiera ricca di belle spiagge, lagune e paludi e di centri che non hanno stravolto il loro aspetto, con ampie aree costiere rimaste praticamente intatte. Numerose sono le aree naturali protette presenti lungo la costa come il Parco Naturale della Maremma, il Tombolo di Feniglia all’Argentario, la Laguna di Orbetello, la Palude della Trappola e il Lago di Burano.

Nella Maremma sono numerose le testimonianze storiche etrusche e romane come quelle presenti nei siti archeologici di Vetulonia, Roselle, Ansedonia, Pitigliano, Saturnia e Sovana. I secoli successivi hanno lasciato come testimonianza i resti di numerosi castelli e fortezze oltre che degli stupendi borghi medievali ancora oggi intatti come Massa Marittima, Castiglione della Pescaia, Montemassi, Porto Ercole, Pitigliano, Sorano e Sovana, solo per citarne alcuni.

BIBLIOGRAFIA

  • AA. VV. “Toscana” Guide Rosse Touring Club Italiano, 2007
  • Batini M. Novella “Maremma guida turistica. 9 itinerari dal mare al monte Amiata” 2013, Moroni
  • Vatti, Renzo “Maremma com’era” 2014, Laurum
  • Baggiossi, Italo “Le torri costiere della Toscana: un affascinante itinerario lungo il litorale toscano alla scoperta di quei singolari monumenti che per secoli garantirono la sicurezza degli Stati costieri: un viaggio a ritroso nel tempo, attraverso vicende storiche, testimonianze e leggende di coloro che vissero e lottarono attorno a questi antichi baluardi” 310 pp. Newton Compton, 1988
  • Celuzza, Mariagrazia “Guida alla Maremma Antica” Siena, 1993, NIE
  • Semplici Andrea “La Maremma dei musei. Viaggio emozionale nell’arte, la storia, la natura e le tradizioni del territorio grossetano” 2012, C&P Adver Effigi
  • Manetti, Rino “Torri costiere del litorale toscano. Loro territorio e antico ruolo di vigilanza costiera” xvi, 183 pp. Alinea, 1991
  • AA. VV. “Maremma e costa degli Etruschi. Le terre dei butteri e dei grandi vini tra mare e natura incontaminata” 2012, Touring
banner
Close
Seguiteci su Facebook
Restate informati su Guida Viaggi