Home / Abbazie, Basiliche e Chiese / Pieve di Gropina: uno degli esempi più alti dell’architettura romanica in Toscana
L'abside della Pieve di Gropina, Loro Ciuffenna, Arezzo. Autore e Copyright Marco Ramerini
L'abside della Pieve di Gropina, Loro Ciuffenna, Arezzo. Autore e Copyright Marco Ramerini

Pieve di Gropina: uno degli esempi più alti dell’architettura romanica in Toscana

La Pieve di Gropina, si trova a circa 2 km da Loro Ciuffenna, sulla via dei Sette Ponti verso San Giustino, per raggiungerla si prende una deviazione a destra, che dopo 800 m dal bivio porta al borgo di Gropina.

La bella chiesa romanica di San Pietro o Pieve di Gropina, costituisce uno degli esempi più alti dell’architettura romanica in Toscana, fu eretta attorno all’anno mille e presenta una facciata in grandi bozze di pietra, con due monofore corrispondenti alle navate laterali e una bifora che sovrasta la porta d’ingresso, sull’architrave della porta è la data 1422, probabilmente riferibile ad uno degli interventi di restauro; lo stemma di Leone X che sovrasta l’architrave porta la data 1522.

L’interno è diviso in tre navate con bizzarri capitelli (nelle colonne di sinistra raccontano episodi tratti dal Vecchio e dal Nuovo Testamento, nelle colonne di destra le figure richiamano l’arte precristiana, etrusca ed orientale), la navata centrale è coperta da un tetto a capanna sorretto da capriate di legno.

L'interno della Pieve di Gropina, Loro Ciuffenna, Arezzo. Autore e Copyright Marco Ramerini..

L’interno della Pieve di Gropina, Loro Ciuffenna, Arezzo. Autore e Copyright Marco Ramerini..

L’abside della chiesa è semicircolare con doppio ordine di colonnine ed ha tre monofore e sei occhi. Appoggiato ad una colonna della navata destra è il Pergamo circolare (Pulpito dell’VIII sec), riccamente decorato, sorretto da due colonne annodate, motivo che si presenta anche nella colonna centrale del decoro esterno dell’abside. Molto bella è la visione esterna dell’abiside con accanto il campanile del 1233, forse impiantato su una torre longobarda.

La chiesa è già ricordata nel 774. Sotto il pavimento della chiesa attuale si trovano i resti di di due successive chiese più piccole: una prima chiesa risalente al V-VI secolo e una seconda chiesa a due navate del VIII-IX secolo di origine longobarda, a cui si accede tramite una scala posta nella navata destra della chiesa.

INFORMAZIONI

Orario: 8-12 e 15-17 Ingresso Gratuito

BIBLIOGRAFIA

  • AA. VV. “Toscana” Guide Rosse Touring Club Italiano, 2007
  • Fabbri Carlo; Fornasari Liletta “La Pieve di Gropina, arte e storia” Servizio Editoriale Fiesolano, 2005
  • Tigler, Guido “Toscana romanica” Jaca Book, Milano, 2006
banner
Close
GDPR
Le leggi dell'UE richiedono che chiediamo il tuo consenso all'uso dei cookies. Utilizziamo i cookie per garantire che il nostro sito funzioni correttamente. Alcuni nostri partner pubblicitari raccolgono anche dati e utilizzano i cookie per pubblicare annunci personalizzati.




Sottoscrivete il nostro canale YOUTUBE: