Home / Città / Ponte Vecchio: il ponte più famoso di Firenze
Ponte Vecchio, Firenze, Italia. Author and Copyright Marco Ramerini
Ponte Vecchio, Firenze, Italia. Author and Copyright Marco Ramerini

Ponte Vecchio: il ponte più famoso di Firenze

Il Ponte Vecchio è il più antico ponte di Firenze, la sua origine risale all’età romana, ma fu più volte danneggiato dalle alluvioni dell’Arno. A seguito di ciò fu ricostruito varie volte. Il ponte attraversa il fiume nel punto di minor ampiezza ed è oggi uno dei simboli della città di Firenze. In epoca medievale il ponte era in legno, poi alla fine del XII secolo fu costruito un ponte in pietra a cinque arcate, che fu completamente distrutto dalla tremenda alluvione del 1333.

Dopo l’alluvione nel 1345 fu costruito un nuovo ponte, probabilmente su progetto di Taddeo Gaddi o di Neri Fioravanti, la cui struttura innovativa per l’epoca, era a tre valichi ad arco ribassato, poi sulla parte superiore era una doppia fila di botteghe.

Nel 1565 l’architetto Giorgio Vasari realizzò, sopra le botteghe che guardano a est, il Corridoio Vasariano, lungo circa un chilometro, per mettere in comunicazione Palazzo Vecchio con la dimora privata dei Medici, Palazzo Pitti. Nel Seicento furono aggiunti i retrobottega sostenuti da beccatelli (o “sporti”) dando al ponte l’attuale fisionomia. Le botteghe, erano occupate inizialmente da pescivendoli, macellai e conciatori, poi, nel 1593, per ordine di Ferdinando I, che non sopportava gli odori sgradevoli sotto le finestre del Corridoio Vasariano dove ogni giorno doveva passare, furono occupate solo da orafi e gioiellieri.

Ponte Vecchio, Firenze, Italia. Author and Copyright Marco Ramerini

Ponte Vecchio, Firenze, Italia. Author and Copyright Marco Ramerini

Ancora oggi sul ponte è presente la stessa tipologia di botteghe, esse si affacciano tutte sul passaggio centrale, ciascuna con un’unica vetrina chiusa da spesse porte in legno, al centro del ponte sono due terrazze panoramiche.

I tre finestroni panoramici al centro del Corridoio Vasariano che si vedono dal lato ovest del ponte furono aperti nel 1939 in occasione della visita di Hitler a Firenze, il Ponte Vecchio fu l’unico ponte di Firenze che non fu fatto saltare dai tedeschi nel 1944 nel corso della Seconda Guerra Mondiale.

banner