Home / Borghi / Cortona: importante città etrusca e medievale
Palazzo Comunale, Cortona, Arezzo. Autore e Copyright Marco Ramerini
Palazzo Comunale, Cortona, Arezzo. Autore e Copyright Marco Ramerini

Cortona: importante città etrusca e medievale

Cortona (23.000 abitanti), è un bella cittadina in provincia d’Arezzo, che si trova sulle pendici di un poggio a circa 500 metri d’altezza, è oggi un importante città turistica con numerose attrattive turistiche principalmente di epoca etrusca, romana, medievale e rinascimentale.

La città di Cortona traccia le sue radici storiche nel periodo etrusco, fondata probabilmente tra il VI e il V secolo a.C., la città divenne ancora più importante nel IV secolo a.C. quando divenne capoluogo di lucumonia e furono costruite le sue poderose mura etrusche lunghe oltre 2 km.

Cortona divenne prima alleata e poi parte dell’Impero Romano e i suoi cittadini ricevettero la cittadinanza romana nell’89 a.C. Con la caduta dell’Impero Romano la città andò incontro ad un notevole periodo di declino.

La città si riprese solo nel tardo medioevo, quando nel XIII secolo Cortona divenne un libero comune, sempre in lotta con la vicina Arezzo. Nel 1325 Cortona fu elevata al rango di diocesi e fu data in signoria a Ranieri dei Casali, la cui famiglia governò la citta per 80 anni. Agli inizi del XV secolo Cortona entrò a far parte dei domini fiorentini e seguì poi la storia del Granducato di Toscana.

COSA VEDERE A CORTONA

Cortona, Arezzo. Autore e Copyright Marco Ramerini.

Cortona, Arezzo. Autore e Copyright Marco Ramerini.

Il centro storico di Cortona presenta numerose eminenze architettoniche di pregio che spaziano in tutte le epoche storiche della città. Vi si trovano resti dell’epoca etrusca e romana, ma in primo luogo edifici del periodo medievale e rinascimentale. Il centro della città verte sulle piazze Signorelli e della Repubblica, su queste piazze si affacciano il Palazzo Comunale, costruito nel XIII secolo e più volte rimaneggiato, il Palazzo del Capitano del Popolo di aspetto cinquecentesco, l’ottocentesco Teatro Signorelli, e il Palazzo Casali, che è l’edificio più interessante dei tre.

Il Palazzo Casali fu edificato nel XIII secolo e fu la sede della signoria dei Casali e dopo l’occupazione da parte  di Firenze divenne la sede dei capitani fiorentini che arricchirono la facciata del palazzo con numerosi stemmi. Il Palazzo Casali presenta alcune sale molto belle, tra queste la Sala del Biscione e il Salone Mediceo. Il Palazzo Casali ospita oggi, oltre alle biblioteca e all’archivio,  il museo più importante di Cortona: il Museo dell’Accademia Etrusca e della città di Cortona. Il museo spazia dalle preistoria, all’epoca etrusca e romana, al medioevo fino a giungere al XIX secolo, tra gli oggetti più pregevoli il cosiddetto lampadario etrusco, oggetto in bronzo del VI secolo a.C., vi sono poi pregevoli statue greco-romane, urne cinerarie. Interessanti sono anche i reperti egizi del museo tra cui una barca funeraria, delle mummie e alcuni sarcofaghi. Tra le opere pittoriche troviamo opere di Neri di Bicci, Pietro da Cortona, Luca Signorelli, Bicci di Lorenzo, e dell’artista cortonese Gino Severini. Molto bello anche il cosiddetto Tempietto Ginori capolavoro in porcellana della manifattura Ginori, così come la collezione di gemme e oreficerie.

Duomo, Cortona, Arezzo. Autore e Copyright Marco Ramerini

Duomo, Cortona, Arezzo. Autore e Copyright Marco Ramerini

Altro edificio interessante è il Duomo di epoca rinascimentale (fine del XV secolo), opera di Giuliano da Sangallo, molto particolare il portale opera di Cristofanello. L’interno del Duomo è a tre navate e  fu modificato nel XVIII secolo. Davanti al Duomo nell’ex chiesa del Gesù si trova il Museo Diocesano che custodisce oreficerie, arredi sacri e opere di Beato Angelico, Pietro Lorenzetti, Sassetta, Bartolomeo della Gatta e Luca Signorelli.

Da percorrere le vie Dardano, Guelfa, Roma, Nazionale e Berrettini ricche di palazzi e chiese pregevoli, molto panoramica è la cosiddetta “Passeggiata in Piano” che parte vicino alla chiesa di San Domenico e attraversa i giardini pubblici, qui si hanno panorami su tutta la Val di Chiana, il lago Trasimeno e il monte Amiata. Nel punto più alto del poggio di Cortona si trova la Fortezza Medicea o del Girifalco fortificazione cinquecentesca a pianta quadrilatera con 4 bastioni. Fuori dalle mura si trova la chiesa di Santa Maria Nuova opera cinquecentesca del Cristofanello e del Vasari.

Del periodo etrusco sono ancora visibili parti delle mura, mentre nella pianura sottostante la città si trovano numerose necropoli etrusche. Vicino alla stazione ferroviaria di Camucia si trova il Tumulo di Camucia risalente al VII secolo a.C. e che contiene al suo interno due tombe. A un paio di chilometri a nord di Camucia nella località Sodo si trovano altri due grandi tumuli etruschi, i cosiddetti Meloni di Sodo entrambi risalenti al VI secolo a.C. nelle vicinanze si trovano i resti di una piattaforma di altare anch’essa del VI secolo a.C.. Sempre nella località Sodo si trova un altra  necropoli etrusca risalente al II secolo a.C., la cosiddetta Tanella di Pitagora. Nella località Ossaio, lungo la strada che porta a Terontola si trovano i resti di una bella villa romana con mosaici.

DA VISITARE NEI DINTORNI DI CORTONA

Cortona, Arezzo. Autore e Copyright Marco Ramerini..

Cortona, Arezzo. Autore e Copyright Marco Ramerini..

Nei dintorni di Cortona ci sono alcune interessanti chiese ed abbazie. Un edificio interessante è senza dubbio l’Abbazia di Santa Maria a Farneta, l’abbazia è situata lungo la strada che collega Camucia a Foiano della Chiana, a  circa 11 km da Cortona. Si tratta di un edificio che ebbe origine all’inizio dell’XI secolo e di cui resta solo la chiesa con una bella cripta, è uno dei più antichi edifici romanici della zona d’Arezzo.

A poco più di 2 km dal paese si trova la chiesa rinascimentale della Madonna del Calcinaio costruita tra la fine del XV secolo e l’inizio del XVI secolo. La chiesa presenta una bella cupola ottagonale, numerose opere d’arte del XVI secolo e nel rosone interno una splendida vetrata di Guillaume de Marcillat dell’inizio del XVI secolo. Lungo la strada che porta a Città di Castello a 3 km da Cortona si trova l’eremo francescano delle Celle, edificato nel XIII secolo e dove sostò San Francesco.

Cortona

Cortona

INFORMAZIONI UTILI

Mercato settimanale Cortona: sabato mattina
Piazza Signorelli/Via Casali

Mercato settimanale Camucia: giovedì mattina
Piazza Sergardi/Via Lauretana

Mercato settimanale Terontola: martedì mattina
Via Dei Combattenti

Uffici Informazioni – Cortona
Informazioni e servizi Turistici
P.zza Signorelli – Palazzo Casali
C.A.P. 52044 – Cortona (AR)
Tel. 0575 637221 – fax 0575 6047

BIBLIOGRAFIA

  • AA. VV. “Toscana” Guide Rosse Touring Club Italiano, 2007
  • AA. VV. “Accademia etrusca di Cortona” Olschki, 2004
  • AA. VV. “Cortona” KMZero, 2013
  • AA: VV: “Cortona. Guida della città” Tiphys Editoria e Multimedia, 2012
  • cur. Fortunelli S. “Il Museo della città etrusca e romana di Cortona. Guida breve” Polistampa, 2005
  • cur. Nocentini S. “Museo diocesano di Cortona. Guida alla visita del museo e alla scoperta del territorio” Polistampa, 201
  • Sandrelli Eleonora “Il Beato Angelico a Cortona” Servizio Editoriale Fiesolano, 2013
banner