Home / Prodotti e Artigianato / Il vangelo secondo Marta: Cibo Vivo a Tavarnelle
Cibo Vivo
Cibo Vivo

Il vangelo secondo Marta: Cibo Vivo a Tavarnelle

Il vangelo secondo Marta

Scritto da Fabio Toccafondi

Marta ha aperto una bottega di “Cibo vivo” in via Naldini (su fitti), a Tavarnelle e fin qui tutto ordinario e normale.

La cosa nuova è che la gestione del negozio è aperta a tutte le persone che soffrono di disagio sociale, di emarginazione, persone che in qualche modo sono vicino al confine con “gli ultimi” in vari modi.

La Marta ha avuto dal comune un appezzamento di terreno destinato ad orti che sarà coltivato da chi lo desidera ed ha costituito l’associazione “Ci incontriamo” che ha lo scopo di raccogliere, ed abbracciare “le situazioni di disagio e di diversità presenti sul territorio” (statuto dell’associazione).

Non occorrono molte parole, soltanto viene a mente Paolo di Tarso: …” e se io intendessi tutti i misteri e tutta la scienza e se avessi tutta la fede talchè potessi trasportare le montagne, se non ho la carità non sono nulla”. “La carità è lenta all’ira non invidia … soffre ogni cosa, crede ogni cosa, spera ogni cosa”.

Scritto da Fabio Toccafondi

Una nuova attività commerciale a Tavarnelle che promuove l’alimentazione sana e cosciente e vende prodotti naturali. Indirizzo: Via Benedetto Naldini, 17 a Tavarnelle Val di Pesa (Firenze). Informazioni: Tel. 339 603 9430. E-mail: cirillopoli@libero.it

Cibo Vivo
Cibo Vivo

Marco Ramerini

Ho fatto ricerche sulla storia delle esplorazioni geografiche e del colonialismo, in particolare sulle isole delle spezie, le Molucche. Ho ideato alcuni siti internet tra cui il sito www.colonialvoyage.com dedicato alla storia dell'esplorazione geografica e al colonialismo. Poi il sito www.borghiditoscana.net dedicato alla mia regione: la Toscana. Oltre che a molti altri siti di viaggi in diverse lingue. Viaggiatore, scrittore di guide turistiche online, ricerco e scrivo di storia. Sono appassionato di astronomia e fotografia.